Ghiri Sport (Kettlebell Lifting)

La massima espressione dell’utilizzo dei kettlebell

_MG_7558web

Il kettlebell Lifting è uno sport nel quale condensano potenza, resistenza, ed un lavoro mentale estremo.
Tutto questo sostenuto dallo studio di un metodo tecnico che permette di sollevare grossi carichi, per molte ripetizioni, per molto tempo e assolutamente in sicurezza.
Sulla storia dei kettlebell e delle ghirie troverete in rete tonnellate di informazioni, vi rimando ad esempio con questo link, alla pagina della storia della ghiria sul sito della Federazione Ghiri Sport Italia. Io qui, vorrei cercare di farvi capire cos’è realmente il Ghiri Sport e una competizione, cosa vuol dire salire in pedana e concentrare in 10 minuti, mesi e mesi di preparazione, e tutte le energie disponibili….spesso, anche più di quanto si crede di avere a disposizione.

Alle gare Nazionali ed internazionali gli uomini possono scegliere se gareggiare con 16, 24 o 32 kg, le donne invece 8, 12, 16. Ai mondiali invece non puoi scegliere, gli uomini con 32, le donne con 16. Le IMG_1187competizioni sono di due tipi: Biathlon e Slancio Completo, canonicamente la durata della gara è 10 minuti. Nel Biathlon si esegue prima lo slancio (jerk), si riposa un’ora circa e si risale in pedana per lo strappo (snatch), alla fine vincerà chi avrà totalizzato più ripetizioni nella somma dei due esercizi. Nello slancio completo invece la gara è una soltanto, lo slancio completo (long cycle).

Obiettivo del Girevik, l’atleta, dovrebbe essere arrivare a gareggiare con le ghirie da 32 kg. Lo so, molti di voi le hanno già maneggiate, e siete divisi in due grossi gruppi: quelli che le sentono effettivamente pesanti, e quelli che: “tutto sommato non sono cosi pesanti”. Capisco. Lo so che si può cadere in un tranello. Siete forti, prendete una 32 e la sollevate brutalmente sopra la testa, 1, 2 e magari 3 o più volte. Perfetto! Siete già a buon punto. Ma rileggete cos’ho scritto sopra: grossi carichi (32 va benissimo) per molte ripetizioni…..e già qui siamo fuori cari miei. Molte ripetizioni, sono….qualcosina in più di 1, 2 o 3.

In una prova che feci il 12-10-13, volli provare a vedere quante volte sarei riuscito a sollevare sopra la testa una 32, senza usale le gambe, un press bello e buono. Io peso 70 kg, quindi una 32 è quasi metà del mio body weight, non poco quindi, ma ne vennero fuori 35+35 press, 70 totali. Buon risultato? Pessimo?…non importa, queste sono solo prove di forza, nelle quali, una 32, in realtà, è pure troppo leggera. Il ghiri sport è molto di più, il ghiri sport vi permette di fare numeri estremamente più alti, per tempi molto più lunghi.

Prendiamo una maratona per esempio. Prendete una 32 e sollevatela per un’ora sopra la testa. Ok…. fatto? Avete chiuso i 60 minuti? Quante ripetizioni avete fatto? Forse facendo solo press, non è fattibile, o forse si ma credo che tra qualche tempo, a fare solo press, le vostre spalle vi presenteranno il conto. Ma ricordate, il ghiri sport, vi fa sollevare grossi carichi (32 kg va bene), per molte ripetizioni (634, il mio best di jerk in un’ora) , per molto tempo (un’ora appunto) ma va fatto in sicurezza ed in salute!!! Per questo nel ghiri sport si SLANCIA e non si pressa, per fare più ripetizioni e perché lo slancio è un movimento compatibile alla funzionalità fisiologica delle spalle.

Quindi adesso vediamo un po’, nel ghiri sport dobbiamo prendere due ghirie da 32 e sollevarle con un jerk, per 10 minuti, ma quando si parla di molte ripetizioni, cosa vuol dire? Per quanto mi riguarda, molte ripetizioni sono, 79 il mio best di slancio con due ghirie da 32 in 10 minuti, ma nella mia categoria di peso, fino a 70 kg, gli atleti Ucraini di punta, si aggirano intorno alle 100/110 ripetizioni. Questo è un numero da campione del mondo di slancio, a mio avviso, NON dopato. E credo che sia un numero fattibile, ponendo diverse condizioni che non starò a precisare. Ma l’Ucraina è la madre patria del Ghiri Sport, in Italia la ghiria è arrivata nel 2000 grazie ad Oleh Ilika, quindi siamo un po’ indietro. Per un atleta che abbia fatto un determinato percorso con carichi più bassi e che voglia approcciare alle 32, consiglio, oltre ad affidarsi solo ad istruttori competenti (ed anche qui ci sarebbe da parlarne) di non focalizzarsi sui numeri.

E per cercare di farvi capire il senso di questa cosa voglio riportarvi una testimonianza reale, la prima volta che ho chiuso 10 minuti di slancio con le 32, fu per me incredibile. Ero in Grecia, al campionato del mondo di biathlon, nel 2011. Avevo fatto una prova ai campionati italiani, dove il mio maestro Oleh Ilika, mi aveva detto di fare 8 minuti. strappo - CopiaAvevo seguito il programma alla lettera. Era stato pesante, avevo fatto per un anno ogni sorta di gara con ghirie da 24, poi il Maestro mi fece capire che era il momento di provare a preparare le 32 e cosi fu. Due mesi di adattamento con le 28 ed altri due con le 32. E’ terribile la sensazione di dover riniziare da capo, le 32 gestiscono te all’inizio, non sei tu a tirare le redini. Hai a che fare con un carico abnorme, la tecnica non va più, non viene più niente, il corpo deve adattarsi e non succede dal giorno alla notte. In Grecia avevo dovuto anche escogitare qualche ristrettezza alimentare per scendere dai miei abituali 71 kg ai 70 del limite della categoria, ho pochissimo grasso addosso, non fu semplice ma nella mia fantasia fantascientifica, c’era il sogno di diventare Master Sport, i numeri erano alti per me a quel tempo, ci speravo ma non ci avevo fatto troppo affidamento.

Ad ogni modo, arrivò il mio momento, salii in pedana con l’ansia del novellino, consapevole che era una prova che non aveva precedenti, con la consapevolezza che nonostante le altre persone e gli altri atleti, sarei stato solo, nessuno avrebbe potuto sollevare qualche volta per me quando fossi arrivato al limite, che sapevo, sarebbe arrivato, presto….Sapevo che i giudici erano molto severi, quindi, salii in pedana, risposi alla chiamata dei giudici di gara, presi fiato durante il conto alla rovescia e partii.

Erano dannatamente pesanti quelle fottute ghirie, e per paura che non mi venissero contate le ripetizioni, rimanevo in lock out più del necessario, finche il giudice non mi fece capire che non ce n’era bisogno, ma ormai era andata, pensai: Cazzo, sono già bollito e siamo solo a due minuti!!! Cercai di resistere. Respiravo, guardavo nel vuoto, un punto fisso in aria per permettere alla mente di andarsene. Qualche altro minuto era passato ma la fine era lontana, le spalle erano ormai bruciate. Cercai di resistere.

A 6 minuti la rack era brutta, le gambe molto piegate quindi i quadricipiti quasi esauriti, le spinte erano sempre più faticose, pensai che non sarai mai arrivato alla fine. Cercai di resistere.

Arrivato a 8 minuti, pensai che ormai non potevo mettere giù, dovevo finire! Era una questione di orgoglio. Le gambe erano sature di acido lattico, me le sentivo scoppiare, come pure il cuore, il respiro era cosi accelerato che credevo di morire. Cercai di resistere ancora.

A 9 minuti e mezzo ogni dolore era amplificato, mi sembrava che le mani si fossero rotte, sembrava che l’avambraccio fosse spezzato, avevo i crampi ai trapezi e alle gambe, tremavo in rack come una struttura che sta per cedere, mi sembrava, come se stessi per liquefare, non so spiegarlo meglio, ero finito, tutto il corpo finito ma mancava cosi poco, non potevo mettere giù. Resistetti.

Non so dove trovai la forza per restare li, per non mettere a terra quei 64 chili che fanno cosi male, quando ogni cellula grida: metti giù e salvaci!!! Ma resistetti. Arrivò il conto alla rovescia finale e alla fine, arrivò la fine di quegli infiniti 10 minuti.

Non ero mai stato cosi stanco, volevo solo sdraiarmi e dormire, per non sentire più niente, ma credetemi se vi dico che mi sentivo un super eroe!!! Avevo chiuso 10 minuti di slancio con due ghirie da 32 kg, e mi sentivo davvero un eroe!! Sapete quante ripetizioni feci? 56! La metà o forse qualcosa meno rispetto a chi aveva vinto, ma non importava, non me ne fregava niente, avevo chiuso dieci minuti!! Non esisteva persona al mondo più felice di me!

Una piccola selezione di video estratti dal mio canale YouTube.

Slancio, preparazione per il campionato del mondo di Biathlon che si è svolto a Lutraki, Grecia, ad ottobre 2013. Due ghirie da 32 kg, 10 minuti a disposizione, il mio best in allenamento che spero di confermare e magari migliorare presto sulla pedana di qualche campionato del mondo.

Conquista del titolo di Master Sport International Klass, Trofeo Internazionale FGSI, Turbigo 3 Maggio 2014

Tashkent, Uzbekistan, giugno 2013, campionato del mondo di Slancio Completo (Long Cycle), 32+32, categoria di peso 70 kg, 48 ripetizioni, secondo posto, medaglia d’argento.

Una prova di strappo (snatch) con 24 kg, 191 ripetizioni in 10′ con un solo cambio mano a disposizione, confermate poi nel luglio del 2013 a Recco.

Preparazione per una gara di slancio completo nella quale puntavo a fare 100 slanci completi con due ghirie da 24 kg, in 10′. In questo video 8 minuti e 80 ripetizioni.

Ancora test personali, slancio, 24+24, 10′, 143 ripetizioni.

Richiedi informazioni

Ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/03, la compilazione del modulo costituisce esplicita autorizzazione e consenso alla detenzione e al trattamento dei dati personali, come disposto dal Codice in materia di dati personali. La informiamo inoltre che, relativamente ai dati forniti, potrà esercitare i diritti previsti dall'art. 7 del D.Lgs. 196/03.

NEWS/EVENTI

[archivio]

TESTIMONIALS

Senatore Giacomo 20160315_164322

Giacomo Senatore

GIACOMO SENATORE Ciao a tutti! Mi presento, mi chiamo Giacomo. Nella vita, nello sport come nel lavoro, sono un...

[leggi altri]

Non perdere i miei consigli

Iscriviti alla newsletter


Acconsento al trattamento dei dati personali

tutela privacy